Il melograno è un frutto che deve maturare sulla pianta, in modo da essere saporito e sugoso al punto giusto, bisogna quindi capire quando è pronto per la raccolta e approfittarne.

Purtroppo capita spesso che il melograno si spacchi quando è ancora sui rami: il problema si vede facilmente quando la buccia si apre e rivela i chicchi.

La buccia tende a creparsi in particolare per carenza o per eccesso di acqua, spesso questo è causato dalle forti piogge autunnali, non ci sono molti rimedi a questo.

Quando si raccoglie il melograno

I melograni si colgono a partire da settembre e fino a inizio dicembre, a seconda del clima della zona in cui è ubicato il frutteto e della varietà dell’albero può variare il periodo di raccolta.

In ogni caso si tratta di un frutto autunnale a pieno titolo e siccome questo frutto si mantiene abbastanza a lungo è possibile arrivare a portarlo in tavola fino a Natale.

Il grado di maturazione si capisce guardando il colore della buccia: se c’è del verde è acerbo mentre se diventa rosso o striato di rosso è maturo. Ogni varietà di melagrana ha una sua pigmentazione, una volta che si conosce l’albero sarà semplicissimo capire quando il frutto è pronto per la raccolta.

Come effettuare la raccolta

Quando si coglie il frutto deve essere staccato dall’albero con attenzione a non lesionare la corteccia, è molto utile a questo proposito l’uso di forbici da potatura. Come sempre le cesoie devono essere ben affilate e pulite, in modo da fare un taglio netto ed evitare di trasmettere malattie.

Uso e conservazione

Il melograno è un frutto a durata media, non molto difficile da conservare. Per le sue rinomate proprietà è benefico per l’organismo e viene in genere consumato fresco come post pasto.

La conservazione

Il frutto dura un mese circa, se conservato correttamente. I melograni si stoccano nelle classiche cassette della frutta, che devono stare in luogo asciutto e fresco, idealmente a 5 gradi di temperatura. Se tenuti in questo modo si conservano per diverse settimane. Può esser tenuto anche in frigorifero senza problemi.

Utilizzo di questo frutto

Il melograno è un frutto che si consuma direttamente fresco, è molto usato sia come frutta a fine pasto che nelle insalate. Il suo gusto acidulo ha ottime potenzialità a livello culinario e si può abbinare a carni e formaggi. Si può anche spremere per farne un succo che ha moltissime proprietà positive per l’organismo. Il succo di melograno è davvero buono, in alcuni paesi del medioriente è utilizzato spesso, come da noi la spremuta d’arancia.

Altro sul melograno

Se ti interessa la coltivazione della pianta di melograno possono esserti utili anche questi articoli:

Proprietà

Il melograno è un frutto ricco di poteri antiossidanti e di sostanze utili al benessere. Ha un alto contenuto di vitamina C, di vitamina K e di vitamine del gruppo B. La presenza di polifenoli aiuta l’organismo a combattere i radicali liberi.

3 commenti
    • Giuseppe Di Girolamo
      Giuseppe Di Girolamo dice:

      I consigli forniti sono stati ottimi. Ho usato il melograno per fare un liquore squisito adoperando gli stessi incredienti del limoncello.L’ho chiamato “melogranello “.Grazie

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.