Tra le varie piante da frutto il fico si caratterizza per un’intensa attività pollonifera e una vivace capacità di radicare, adattandosi bene a diversi terreni.

Questa caratteristica ci viene in aiuto se vogliamo piantare in giardino o nel frutteto una nuova pianta di fico. Infatti possiamo decidere di moltiplicare il fico per talea, ottenendo il nostro albero da piantare a costo zero.

Ovviamente se non abbiamo a disposizione una pianta esistente, da cui prelevare la talea, possiamo comunque comprare in vivaio la piantina da trapiantare. Basterà però chiedere a un vicino o a un conoscente la possibilità di prendere un pollone basale per avere la piantina gratis.

In quale periodo piantare il fico

L’albero di fichi è una pianta molto facile a radicare, per cui si potrebbe provare a trapiantarlo praticamente in ogni periodo dell’anno, escludendo i mesi freddi in cui il terreno è gelato.

Tuttavia per avere un miglior risultato e non far patire alla pianta l’operazione bisogna evitare i mesi di fioritura e fruttificazione, quindi cerchiamo di non sottoporre l’albero allo shock del trapianto durante questi mesi.

Possiamo dire che il periodo più indicato è tra ottobre e aprile, senza però farlo nei giorni in cui in inverno gela. In zone con inverni molto freddi conviene aspettare la fine dell’inverno.

Come si pianta il fico

Il lavoro di impiantare è simile per il fico come per gli altri alberi, si comincia con lo scavare una bella buca, di almeno mezzo metro di profondità e diametro, consiglio di leggere la guida a come scavare la buca, in cui trovate spiegato anche come incorporare al meglio la concimazione e gestire la terra per mantenere la miglior fertilità.

Prima di mettere il fico se la piantina è a radice nuda si può immergere le radici in acqua, terra e letame, aiutando così la pianta ad attecchire.

Dopo aver chiuso la buca conviene pigiare un poco la terra e annaffiare abbondantemente.

Il sesto d’impianto

Le distanze che un fico deve avere per svilupparsi al meglio variano a seconda di come verrà poi allevata la pianta. Una buona regola può essere di distanziare l’albero di 4 metri da altri elementi presenti (altre piante da frutto, edifici, siepi,…), mentre un sesto d’impianto in un frutteto può essere di almeno 6×6 tra i fichi.

Altri consigli sul fico

Dopo aver piantato occorre prendersi cura del fico, difendendolo dai suoi parassiti e curando la potatura. Ecco alcuni validi consigli per la coltivazione del fico.

Il posto giusto

Un’accortezza importante prima di piantare un fico è di verificare che il terreno e il clima siano adatti. Anche se la pianta è molto adattabile la sua salute e la sua produttività dipendono dalla scelta della posizione e dalle caratteristiche del suolo. Il fico chiede un clima mite, un suolo drenante, una posizione soleggiata e niente eccessi di umidità.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.