Il periodo fondamentale per la potatura delle piante da frutto è la fine dell’inverno, in particolare per molte piante l’ideale è potare a febbraio.

Marzo non è sempre un mese ottimale, se è indicato potare in questo periodo o meno spesso dipende dal clima dell’annata e della località in cui ci si trova.

L’importante è intervenire sulle piante durante il riposo vegetativo che si verifica tra l’autunno e l’inverno.

Durante il mese di marzo le gemme si schiudono per iniziare un nuovo anno, formare foglie e fiorire. Non è il caso di aspettare troppo per intervenire con tagli su rami legnosi: bisogna farlo prima dell’ingrossamento delle gemme.

gemme del pesco in primavera

Questo discorso vale per i classici alberi da frutto, come melo, pero, pesco. Ci sono poi alberi mediterranei come agrumi e olivo che non tollerano il taglio nei mesi freddi e che quindi si iniziano a potare a marzo, per continuare durante il mese di aprile.

Potare a marzo

Il mese ideale per le potature è considerato febbraio, visto che difficilmente gli alberi da frutto avranno schiuso le gemme, ma la stagione invernale, col suo bagaglio di gelate è ormai agli sgoccioli.

Nel mese di marzo in genere si assiste al risveglio delle gemme, il vantaggio è di esserci molto probabilmente lasciati alle spalle le gelate, per cui i tagli saranno meno esposti al freddo, salvaguardando la salute della pianta.

Chi ha un frutteto professionale e si trova a dover potare molti alberi non può sempre permettersi di aspettare l’esatto momento per cominciare a tagliare: rischierebbe di restare indietro e di non riuscire a portare a termine il lavoro. Quindi dovrà fare potature a gennaio, febbraio e terminare con marzo (con aprile su piante come l’olivo).

Quali alberi da frutto vanno potati a marzo

Pomacee e fico. In genere marzo è un po’ tardi per le potature di melo, pero e cotogno, che hanno una buona resistenza al freddo e quindi si possono potare a gennaio e febbraio. Se siamo in ritardo osserviamo le gemme e magari a inizio marzo possiamo tagliare.

Drupacee. Pesco, susino, albicocco e mandorlo essendo meno resistenti al freddo rispetto alle già citate pomacee sono alberi che possono beneficiare di una potatura di marzo. Attenzione però a farlo prima che la pianta fiorisca.

Olivo e agrumi. Le piante più sensibili al freddo, come l’ulivo e tutti gli agrumi vanno potate in primavera, benissimo quindi tagliare a marzo oppure ad aprile.

Altre fruttifere. L’albero di kiwi (actinidia), il melograno, la vite, il nocciolo e i piccoli frutti possono esser tagliati a inizio marzo.

Approfondisci le potature di marzo

potatura dei rami del mandorlo
potatura dell'albicocco
mazzetto di maggio nel ciliegio
ramo di un fico
cespuglio di nocciole
rami del melograno

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.